Sondaggio

Utenti Online

Nessun utente online

Syndication

Tauriano-Blog arrow Notizie arrow varie arrow Biogas fermo da tre mesi
Biogas fermo da tre mesi PDF Stampa E-mail
Scritto da Raffaele   
giovedì 01 marzo 2012

La proprietà conta di riavviare il cantiere e concludere entro settembre

 La crisi colpisce la realizzazione dell’impianto a Tauriano

fornace_bioelettra_02.jpg Bocce ferme da tre mesi. La costruzione dell'impianto di biogas a Tauriano è in stallo obbligato. Si parla di crisi, di finanziamenti a singhiozzo: «Anche in questo settore - dichiara il proprietario dell'area, Michel Benedetti - la regressione economica ha lasciato il segno». L'intenzione è quella di terminare l'opera per settembre. «Contiamo di farcela - afferma - entro breve dovremo riprendere il cantiere e rendere operativo il sito». Per ora si vedono soltanto camion a recuperare il trinciato e portarlo altrove. Questo per evitare che lo stazionamento prolungato possa danneggiare il materiale. «È una lunga storia - continua - il progetto per l'impianto a 500mila megawatt è stato presentato nel 2005 ma l'iter ci ha sfiancati per 4 anni. Solo nel 2009 abbiamo ricevuto l'autorizzazione unica della Regione e poi sottoscritto la convenzione con il Comune». La società Bioelettra con sede a Preganziol, committente dell'opera, ha rilevato il terreno a Michel Benedetti proprietario dell'attigua azienda agricola Santa Lucia e costituito assieme a lui la società Spilimbergo Bionergie. Risale al settembre 2009 l'avvio dei lavori. All'epoca molto aveva fatto discutere l'amministrazione sul problema odori, posto dalla presenza di reflui zootecnici, anche se in minima parte rispetto al prevalente utilizzo di biomasse vegetali. Altro nodo, l'impatto ambientale per lo sbancamento di circa 3 ettari di terreno.
     

fornace_bioelettra_01.jpg Tutto allora sembrava contrastare il progetto, tanto da spingere la società al Tar per attestare la compatibilità ambientale dell'impianto. L'interramento dei silos risolve di fatto la questione dell’impatto paesaggistico. «Da pionieri nel settore - sostiene - abbiamo facilitato il sorgere di strutture simili in zona».
      Ma ci sono anche altri problemi che colpiscono i pionieri. Tra le clausole presenti nella convenzione, l'obbligo per la Bioenergie di provvedere alla manutenzione della strada, via della Fornace, con sfalcio e installazione di segnaletica stradale. «Questo, però, avverrà dopo l'asfaltatura del tratto - afferma - che il Comune deve ancora acquisire dal demanio militare».

Se non dovesse trovare l'accordo con l'ente, a quel punto il demanio potrebbe decidere di chiudere la strada, bloccando anche il transito dei camion verso l'impianto. La società si è inoltre impegnata a garantire 2mila euro per dieci anni al Comune, quota a sostegno per varie iniziative, ma al momento nessun versamento è stato effettuato. «Attendiamo di ultimare i lavori - conclude - per erogare i contributi pattuiti».

Maria Santoro art. su www.gazzettino.it

 

 
< Prec.   Pros. >

Foto dal sito

Tauriano per immagini

Calendario

« < Febbraio 2019 > »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 1 2 3

Articoli correlati

Prossimi Eventi

Nessun evento

Previsioni Meteo

Click per aprire http://www.ilmeteo.it